Le profezie di Cidindon (Oscar Edition)

L’amico da oriente ricorda che c’è il classico gioco dei pronostici. Non mi sottraggo anche se mai come quest’anno mi disinteresso del risultato ancora più da quando, pochi giorni fa, ho letto questo articolo molto istruttivo sui giurati che spiega due cose in più sul meccanismo con cui vengono dati i premi, praticamente scelti da uomini bianchi e over 40 che non hanno mai calcato il tappeto rosso. Tzè.
Comunque si gioca lo stesso, quindi ecco qua.

Best Picture: The Tree of Life‘ filmone però non può vincere che ‘The Artist‘ mio ‘film del cuore 2011‘. Ogni altro risultato è il LOL.
Actor in a Leading Role: sarebbe giusto vincesse Gary Oldman, bello vincesse il mio amichetto Brad. Sarà un testa a testa di facce da sorrisone Clooney-Dujardin. Vince il francese perchè nemo propheta in patria.
Actor in a Supporting Role: Nick Nolte tutta la vita per il gran ruolo in ‘Warrior‘, bel riderone se vince Jonah Hill mio protetto in ‘Moneyball‘. Invece lo prenderà un vecchietto (diciamo Plummer, via) perchè agli Oscar è il primo premio e iniziare con i lagrimoni fa bene all’audience.
Actress in a Leading Role: Meryl la spunta su Viola al fotofinish nel torpore generale. Rooney Mara vince l’Oscar dei reblog su tumblr.
Actress in a Supporting Role: tifo sfrenato per la bellissima Bérénice ma la spunta la Chastain per compensare il cast di ‘The Help‘.
Animated Feature Film: se non vince ‘Rango‘, abbattete l’Academy.
Directing: come da manuale dell’Oscar, film e regista in abbinata. Chissà se Malick sa che c’è un premio chiamato Oscar. Allen sul red carpet si imbarazza e vince il premio ‘pucci‘.
Cinematography: vince ‘War Horse’ e rido per sei mesi ripetendomi ‘pastelli al tramonto‘ in testa. (no, ‘The Artist‘ anche qua).
Art Direction: il film muto fa filotto e piglia pure questo che invece io darei alla stazione e al cinema nel cinema di ‘Hugo‘.
Film Editing: lo darei a ‘Millennium‘ ma vedi sopra, c’è il filotto che l’Academy si scopre ‘vintage‘.
Foreign Language Film: ancora mi manca ma a leggere i miei cineblogger è un plebiscito per ‘A Separation‘.
Music (Original Score): dovrebbe vincerlo Alberto Iglesias che ha scritto un commento sonoro stupendo e di gran classe, Williams BASTA, vedi alla voce ‘filotto’. (canzoni: solo due, non sentite, amen)

Evitiamo gli Oscar ‘tecnici’ se no vien la noia, poi magari ‘Transformers‘ ne vince un paio ed è tutto ‘clang clang’. ‘Drive‘ è nominato in una categoria tecnica, ‘Sound editing‘. Se vince questo Oscar, martellate e calcagnate in faccia ai giurati per avere evitato di nominare perfino per sbaglio il film più fico dell’anno.

Writing (Adapted Screenplay): Menzione d’onore per le spie, vince ‘Moneyball‘ e Sorkin torna sul palco, evviva (poi probabilmente vincerà ‘The Descendants‘)
Writing (Original Screenplay): anche qua vince ‘The Artist‘ però chissà, magari è questo l’Oscar soprendente della serata. Allen? Iraniani? Wiig?!?! Mh, no.

Quindi facile pronosticare il dominio del film in B/N. Così si ripresenta la discussione filosofica sul ‘che bello quando si stava peggio‘ (no, è solo che ‘The Artist‘ è un bel film e qui è tutto spiegato meglio e son d’accordissimo). Delusione totale per Payne & Clooney, Spielberg & Scorsese se la ridono lo stesso e via, tutti a spiare il red carpet. 

Advertisements

occhi azzurri per sogni di celluloide

Nell’ultima mezz’ora di ‘Hugo Cabret‘ io ho avuto un magone che non ci credevo e un pizzicore nell’occhio sinistro che pensavo si fosse infilata una bestiolina e invece era Martin Scorsese (in alto i calici) che mi aveva per le palle, per la carotide, per le vie lacrimali, per tutta la vita.
Avevo appena finito di dire che ho il cuore di pietra e di ghiaccio e invece bastano due ragazzini e la voglia di un cineasta di rendere un omaggio enorme al suo lavoro e ai suoi sogni, forse alla sua vita, e amen, spaccata la pietra, sciolto il ghiaccio.
E’ una favola per famiglie con l’orfano (ovviamente imballato di quel problema tipico di molto cinema americano, il rapporto, mancante, col padre) che eredita la passione famigliare per i meccanismi e la trasporterà molto oltre la torre di orologi e di solitudine in cui vive.
La stazione ferroviaria in cui si svolge gran parte del film è spettacolare, tanto che mi son pentito un po’ per non averlo visto in 3D, ma pazienza, l’editto personale ‘3D, sciò‘ non si tocca e di occhiali me ne bastano un paio. Non tutto nella storia funziona perfettamente, ci sono piccole forzature ma tutto risulta piacevole grazie a una messa in scena di grande qualità finchè gli occhioni blu del protagonista ci portano nel meccanismo che Scorsese ha costruito dentro al film, aprendolo con la chiave dell’amore per il cinema, in un’ esplosione di citazionismo toccante e sentimentalismo in celluloide.
Una classica favola arricchita di buoni comprimari e resa vincente da un altissimo omaggio alla settima arte.
Sipario, applausi.

Ps.: grazie ai lungimiranti distributori italiani per non avere fatto uscire questo film a Natale, come in Us o in Francia o UK, presumo per salvaguardare l’incasso lordoso e lardoso del nostro cinema di commedie italiane con le locandine colorate e i font ciccioni che fanno tanta allegria e tanto cagare il cazzo.
Ps2.: sbrigatevi a vederlo. d’accordo che era prima visione delle diciottoetrenta ma in sala c’ero solo io, il che è molto bello e porta il classico sogno ad occhi aperti, sul nulla nelle file sopra e sotto, di possedere una sala cinematografica privata. tzk. però mi sa che lo tolgono presto eh… 

cuore di ghiaccio, cuore di pietra

Nel weekend ho visto due film diversissimi fra loro, accomunati però dalla nomination per miglior film e da alti coefficienti di pianto e ricatto per gli spettatori.  Spoiler: non mi sono piaciuti.

In ‘The Descendants‘ un marito si trova con la moglie in coma, due figlie con cui ricostruire un rapporto, un genero incazzato, un’eredità da gestire e una sorpresina lasciatagli dalla moglie. Segue percorso di risoluzione puzzle della sua vita e non solo.
Il film piacerà a molti. Perché c’è George che è molto brizzolato e molto bravo e in generale tutto il cast funziona. Si scopre che le Hawaii, non sono solo un posto da cartolina ma anche un posto duro e grigio, letteralmente e visivamente. Ci sono i buoni sentimenti di una commedia annegata nella malinconia, o un film drammatico puntellato di scene umanamente divertenti per non pensare sempre al fazzoletto pronto all’uso.
Agrodolce’ come mi suggeriscono. Il tutto è avvolto nell’estetica colta e sensibile che guida negli ultimi anni molto cinema americano ‘indie-pendente’.
A me non è piaciuto perchè non mi ha mai interessato, la mia empatia coi personaggi non c’è mai stata, la sceneggiatura non affonda mai il colpo (e il rapporto con le figlie è semplicistico) cercando evidentemente di mantenere quell’equilibrio ricercatissimo e ruffianissimo fra drama e commedia che mi è sembrato troppo costruito.
Inoltre, ho il cuore di pietra (nonostante l’ovvio magone a una scena fatta apposta per il magone)  e il commento sonoro dell’ukulele è fastidiosissimo.
Grado di sentimentalismo + coefficiente di ricatto emotivo: coma+ sguardi di uomini in difficoltà = otto(mila).
Italia no: il titolo italiano è una schifezza che mi rifiuto perfino di trascrivere.


Spielberg è l’unico al mondo (anche giustamente, certo) a poter telefonare ai suoi collaboratori e dire ‘Bella raga, facciamo un film su un cavallo.’
Di ‘War Horse’ se sei attento vedi tutto dalla locandina. Sguardo fiero del cavallo, sguardo fiero (e un po’ assente) del ragazzo, PASTELLI nel cielo.
Racconta (spoiler! ma suvvia, non sapete già come finisce?) di un ragazzo che incontra un cavallo molto atletico, molto bello. Cavallo arerà e correrà per cinquanta minuti interminabili. Poi proprietario di cavallo in bolletta lo venderà ai militari, cavallo andrà in guerra (prima, mondiale) dove girerà le trincee fra peripezie varie, per poi ritrovare il ragazzo.
E’ una specie di film a episodi con al centro questo bellissimo animale e una tonnellata di melassa intorno e cieli color pastello sopra.
Il film piacerà a molti per l’aurea old Hollywood di cui il film è strapieno risultando curiosamente retrò, come i western che passano al pomeriggio d’estate. Pastelli, lunghe scene, sentimenti a presa rapida, fazzoletti a portata di lacrima, l’ovvia professionale capacità di Spileberg e soci di costruire un film simile. E la parte sulla guerra, bella e dura. E Benedict.
A me il film ha lasciato quasi indifferente, perché nel finale ci sono tanti elementi melassosi che per poco non crolla lo schermo sotto il peso di un sentimentalismo davvero eccessivo che ho trovato fastidioso, perchè è lunghissimo, perché i primi piani intensi del cavallo mi facevano ridere e perché ho il cuore di ghiaccio (nonostante l’ovvio magone a una scena fatta apposta per il magone) e due ore di commento sonoro di J.Williams son fastidiosissime.
Grado di sentimentalismo + coefficiente di ricatto emotivo: film con animali, Spileberg al top della melassa = dieci(mila).
Italia, no: il film è uscito a Natale negli Us e questo giustifica e passa un pezzo di melassa, da noi esce adesso, a Natale c’erano altri film sicuramente più importanti in uscita. Certo.

Attenzione: non mi sono piaciuti ma non sono brutti film, ci tengo a scriverlo, sarà il buonismo che mi è colato addosso. Non fidatevi di me, è colpa mia. Il primo fa 84 su ‘Metacritic‘, quello col cavallo fa 72, quindi, in generale son piaciuti.
(naturalmente però se uno dei due vince l’Oscar, c’è da ridere) 

M&M (o dei film con Robin Wright dentro)

Tratto da: quello sul general manager dietro la scrivania da un libro e da una storia vera, quello sugli ‘uomini svedesi con aziende e storia oscura alle spalle‘ da una serie di romanzi famosissimi lassù e pure quaggiù che io non ho letto e dai successivi film sempre svedesi che non ho visto.

Il bello: il manager della squadra pro di baseball, coraggioso, romantico, col mascellone e la bellezza quasi imbarazzante di Brad Pitt che per me è sempre stato bravo e lo conferma pure qua.
Il giornalista detective ha lo sguardo curiosamente fra il lesso e il ghiaccioso di Daniel Craig. Che recita come sempre coi muscoli e stavolta anche con collezione inverno/invernissimo per maschi urbani molto attenti al look. Fa quel che deve, bene.

La spalla (*) : il matematico applicato al batti&corri e al supporto del manager è Jonas Hill in giustissima fuoriuscita dal genere teen e mi è piaciuto moltissimo. La scena del licenziamento è ottima al riguardo.
La darkettona-hacker piena di piercing in supporto al giornalista è la bella e piuttosto brava Rooney Mara. Signora in pelliccia all’uscita dice che ‘è proprio identica a quella del libro’. Un punto in più. (* lo so che è nominata best actress, pazienza)

L’altro: sulla panca del diamante, Mr.PSH al minimo sindacale di apparizione ed espressioni, nonostante ciò sempre perfetto; fra le ombre scure degli isolotti di famiglie svedesi quell’attorone svedese col cognome ostico e il casting di Hollywood lo ha fatto per il branding.

Robin factor: è una delle mie preferite di sempre  su schermo ed è in entrambi i film. Ogni volta che appare, caccio un urletto, anche perchè non è mai la protagonista e io non lo so mai che è nel film. Quindi lei arriva, io faccio ‘OMG!‘ e questo è bello.
Nel film sportivo il ‘Robin factor’ è basso. Nella sua unica scena (che spreco) sta quasi sempre su un divano. Però ‘Awww‘ a manetta lo stesso. Invece è ottimamente buono (più scene, incluso spogliarello dietro paratia nascondente) nel secondo dov’è l’editrice/amante del nostro eroe.

Giudizio:
Moneyball: bello, poteva essere bellissimo. Da calcolare un po’ di tara che a me i film sportivi piacciono sempre un po’ più di quanto dovrebbero, ma è un bel tentativo di fare un film sportivo senza concentrarsi sul campo di gioco. Bei dialoghi, ottimi attori, un paio di scene bellissime. Difetto: è troppo lungo, disperde un po’ il capitale di passione per il gioco e di rischio nella ‘sabermetrica‘ che si era costruito. C’è qualche momento dove un filo di gas al ritmo in più ci stava. Bel finale però con grossa metafora di vita. E ‘Come si fa a non essere romantici col baseball‘.
Millennium: soddisfacente thrillerone con tutte le cosine al suo posto. La lavagna per gli spiegoni del caso, i personaggi abbozzati ma puliti, due colpi di scena che non lo sono. Tutto molto professionale ma anche poco core, soprattutto nel rapporto fra i due che d’accordo la presunta ‘freddezza’ dei personaggi però così forse è troppo. Sicuramente ha un bel ritmo, peccato per il finale che ha dieci minuti praticamente inutili che vanificano la suspence costruita durante la visione (applausi al montaggio) ma forse spiegabili con i contratti già firmati (credo, non ho controllato) per il secondo film. A Fincher piacciono le scene d’azione (in tutti, pure i brutti, sensi) con lei, per il resto va di tranquillità e pilota automatico.

Chiusa e più film con Robin Wright per tutti:
Moneyball‘ da vedere, meglio se con un appassionato di baseball, da evitare se tutta la retorica Usa sulle opportunità e le vittorie e gli stadi e le metafore sportive non piacciono (e, bellissima locandina quella sopra e pessimo titolo in italiano).
Millennium‘: avessi letto il libro o visto i precedenti forse avrei abbandonato che il troppo, si sa, stroppia. così va bene. poi, quasi quasi mi leggo il secondo libro.

Palco n.25 OR.1/D (Pt.VI, the Ice and Fire chapter)

Programma: concerto ‘contemporaneo’ per violino ed orchestra scortato da ‘classiche’ ouverture e ‘Sogni d’inverno‘.

Orchestra: sono sessantasei musicisti, a cui si aggiungono quattro percussionisti e arpa per la sinfonia di P.Glass.
Arrivo al posto palco e alcuni musicisti son già sul palcoscenico, presumo siano arrivati tardi causa ghiaccio e neve, gli altri li raggiungono lentamente. Prendere posto con il sottofondo confuso di accordi random è molto bello, ti prepara all’ascolto e crea una specie di ‘classical hype‘.
E’ l”orchestra più bella come presenza fisica che abbia mai visto. Signori affascinanti (fra cui un violinista che pare uscito dritto dalla stanza di Schumann nel milleottocentocinquanta, con notevole pizzetto, occhialini tondi e ciuffo riccio impomatato), donne di classe in lungo nero, ressa per il violino dell’amore, aitanti giovanotti. All in black naturalmente. Il palcoscenico si riempie, la platea no. Freddo, strade scivolose, l’inverno che è arrivato pesantemente e ci sono dei vuoti, metà palchi son deserti. Peccato per i comprensibili assenti, si sarebbero riscaldati al calore delle note.
Continue reading “Palco n.25 OR.1/D (Pt.VI, the Ice and Fire chapter)”

a piccoli passi

Capita quando hai un blog di conoscere persone senza averle mai incontrate. Ci si legge, ci si annusa via parole e link e ci si piace. Con il Vinx è capitato così. Lui fa belle foto come questa sopra, video a band fichissime e altro ancora.
Ha anche un blog personale dove racconta di viaggi, dove ‘viaggi‘ è una parola che si allunga e si estende abbracciando più significati.

Lui ci mette le foto, l’idea e ospita anche altra gente che si mette lì e racconta dei suoi ‘viaggi’. Come un albergo, senza porte, con molte stanze piene di parole.
Qualche settimana fa mi ha chiesto se volevo partecipare. Così, ho scritto un raccontino di piccoli passi su strada.

Lo puoi leggere cliccando QUI o sulla foto sopra.

E grazie.

IndyPaesello (la notte del Super Bowl)

Biglietti a quattromila dollah, pubblicità (che non vedremo live ma abbiamo già quasi visto) a 3/4 milioni di dollah, squadre con storia e blasone, rivincita del superbowl 2008 (the miracle), la sfida fra quarterback con lo sfidante teoricamente sfavorito che però avrà il tifo del pubblico di casa e del fratello che gioca nella squadra di casa, i tight end più forti, un paio di wide receiver con le mani educate.
La messa di quello sport che quaggiù in the paesello pochi conoscono se non perchè in questi giorni si è parlato di Madonna e dell’halftime show.
Si scrive Super Bowl e non Superbowl, quest’anno si gioca a Indianapolis. Noi lo amiamo, l’evento e il gioco.
Il kickoff a mezzanote e mezza circa e poi corse, fumble, punt, blitz, placcaggi, ricezioni, ginocchia a terra, replay, lancioni, misurazioni, cifre, omoni ed emozioni e domani crepe negli occhi.
Le finali di conference han visto le squadre per cui tifavo sconfitte, quindi non ho favoriti, anche perchè sarà una bella lotta, almeno spero. Scelgo però NY Giants, per fare un minimo sindacale di tifo in diretta, perchè credo sarà una gara dominata dalle difese e quella di NY mi esalterà e perchè Tom Brady è troppo bravo/bello/ricco e la più bella del mondo saprà consolarlo dalla sconfitta.
Il nostro paesello è a letto, frizzato in un gelo peso e ricoperto di neve. Siamo solo in due. Uno va a lavorare troppo presto, uno viaggia, uno è disperso, uno ha tirato il pacco. Abbiamo pocket coffee, biscotti, patatine, vino & birra per ingrassare e cercare di stare svegli.
Anche l’anno scorso l’avevo fatto, here we go back. Coperta per il freddo, speriamo di non addormentarci che oggi fra spalata e passeggiata nella neve mi son spezzato le gambe e non ho dormito un secondo, live twit o qui se centoquaranta parole non bastano, adesso vediamo come va, domani comunque riporto tutto bene quassù.
Pronti. ‘Oh, entrano in campo!‘.

Continue reading “IndyPaesello (la notte del Super Bowl)”