M&M (o dei film con Robin Wright dentro)

Tratto da: quello sul general manager dietro la scrivania da un libro e da una storia vera, quello sugli ‘uomini svedesi con aziende e storia oscura alle spalle‘ da una serie di romanzi famosissimi lassù e pure quaggiù che io non ho letto e dai successivi film sempre svedesi che non ho visto.

Il bello: il manager della squadra pro di baseball, coraggioso, romantico, col mascellone e la bellezza quasi imbarazzante di Brad Pitt che per me è sempre stato bravo e lo conferma pure qua.
Il giornalista detective ha lo sguardo curiosamente fra il lesso e il ghiaccioso di Daniel Craig. Che recita come sempre coi muscoli e stavolta anche con collezione inverno/invernissimo per maschi urbani molto attenti al look. Fa quel che deve, bene.

La spalla (*) : il matematico applicato al batti&corri e al supporto del manager è Jonas Hill in giustissima fuoriuscita dal genere teen e mi è piaciuto moltissimo. La scena del licenziamento è ottima al riguardo.
La darkettona-hacker piena di piercing in supporto al giornalista è la bella e piuttosto brava Rooney Mara. Signora in pelliccia all’uscita dice che ‘è proprio identica a quella del libro’. Un punto in più. (* lo so che è nominata best actress, pazienza)

L’altro: sulla panca del diamante, Mr.PSH al minimo sindacale di apparizione ed espressioni, nonostante ciò sempre perfetto; fra le ombre scure degli isolotti di famiglie svedesi quell’attorone svedese col cognome ostico e il casting di Hollywood lo ha fatto per il branding.

Robin factor: è una delle mie preferite di sempre  su schermo ed è in entrambi i film. Ogni volta che appare, caccio un urletto, anche perchè non è mai la protagonista e io non lo so mai che è nel film. Quindi lei arriva, io faccio ‘OMG!‘ e questo è bello.
Nel film sportivo il ‘Robin factor’ è basso. Nella sua unica scena (che spreco) sta quasi sempre su un divano. Però ‘Awww‘ a manetta lo stesso. Invece è ottimamente buono (più scene, incluso spogliarello dietro paratia nascondente) nel secondo dov’è l’editrice/amante del nostro eroe.

Giudizio:
Moneyball: bello, poteva essere bellissimo. Da calcolare un po’ di tara che a me i film sportivi piacciono sempre un po’ più di quanto dovrebbero, ma è un bel tentativo di fare un film sportivo senza concentrarsi sul campo di gioco. Bei dialoghi, ottimi attori, un paio di scene bellissime. Difetto: è troppo lungo, disperde un po’ il capitale di passione per il gioco e di rischio nella ‘sabermetrica‘ che si era costruito. C’è qualche momento dove un filo di gas al ritmo in più ci stava. Bel finale però con grossa metafora di vita. E ‘Come si fa a non essere romantici col baseball‘.
Millennium: soddisfacente thrillerone con tutte le cosine al suo posto. La lavagna per gli spiegoni del caso, i personaggi abbozzati ma puliti, due colpi di scena che non lo sono. Tutto molto professionale ma anche poco core, soprattutto nel rapporto fra i due che d’accordo la presunta ‘freddezza’ dei personaggi però così forse è troppo. Sicuramente ha un bel ritmo, peccato per il finale che ha dieci minuti praticamente inutili che vanificano la suspence costruita durante la visione (applausi al montaggio) ma forse spiegabili con i contratti già firmati (credo, non ho controllato) per il secondo film. A Fincher piacciono le scene d’azione (in tutti, pure i brutti, sensi) con lei, per il resto va di tranquillità e pilota automatico.

Chiusa e più film con Robin Wright per tutti:
Moneyball‘ da vedere, meglio se con un appassionato di baseball, da evitare se tutta la retorica Usa sulle opportunità e le vittorie e gli stadi e le metafore sportive non piacciono (e, bellissima locandina quella sopra e pessimo titolo in italiano).
Millennium‘: avessi letto il libro o visto i precedenti forse avrei abbandonato che il troppo, si sa, stroppia. così va bene. poi, quasi quasi mi leggo il secondo libro.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s