playlist minima, summer edition

Quando l’estate si fa profonda, caldissima e la gente vede lo striscione ‘ferie’ avvicinarsi, non si va al cinema (*) non si sta sul divano a guardare serialità (**) si offrono playlist ai futuri villeggianti.
Ergo:

Nello stereo, mentre vai in vacanza

Una compilation pensata per farti ciondolare la testa mentre sei a spasso in spiaggia, a fare trekking, a fare niente, a scoprire posti avventurosi, a fare il ricco in barca a vela, dentro e fuori una metropolitana di una città che non hai mai visto, eccetera.
Si passa dalla canzone che dovrebbe essere il vero tormentone dell’estate, a un dj truzz che si è preso in casa gente giusta e ha fatto un disco party, ai miei Arcade Fire che provano a reggere gli attacchi dei post-indie snob con la canzone degli zufoli, alle iper-cute-catchy-fashion Haim, passando per un pezzo da ubriachi, per poi prendere un aperitivo con classe e infine due salti nel black sound (e il disco dei ‘Pollyseed‘ è una meraviglia) per poi terminare con due cosette jazz perfette per un balletto, un abbraccio o un pisolo, vedi tu.
Potrebbe piacerti. Se ti piace, fammene una tu di compilation.
E buon agosto.

 

(già che ci sono: sul comodino o sullo sdraio)

Il libro da leggere quest’estate è sicuramente, assolutamente, inderogabilmente, ‘Exit West‘. Una storia di amore e migranti, scritta con pudore, bellezza e brillantezza. Bellissimo e carico di quell’umanità che troppi commenti vagamente fasci molto in voga in questi giorni di caldo tendono a calpestare. Ed è una bella storia d’amore, quindi è un win-win, libro bellissimo, mi ripeto.

Inoltre, visto che è estate potreste nuotare in un libro particolare, un po’ matto, un po’ magico, con riferimenti scientifici ma assolutamente non per scienziati, con tanto plancton, mischiato a leggende e confezionato con tanto amore per il mare. Se lo leggi al mare dopo ti fai dei viaggi mentali bellissimi, anche se il tuo mare non è un fiordo norvegese ma il litorale di Pinarella (con tutto il rispetto per).
Ovviamente il titolo è ‘Il libro del mare‘ e ha pure una copertina bellissima e azzurrissima.

*: al cinema, dopo aver visto l’ennesimo, ma questa volta giusto, ritorno dell’Uomo Ragno, non c’è niente. Peccato per chi come me spera sempre di poter vedersi film belli con l’aria condizionata a sassata.
Qui c’è un giusto articolo sulla questione ‘chiuso per ferie’ al cinema, si continua a sperare che prima o poi la situazione cambi e che un film come ‘Dunkirk’ esca anche da noi quando esce nel mondo. Manca un po’ di coraggio, di idee così a settembre/ottobre arriveranno venti titoli appetibili, vedremo di gestirli. Nel frattempo ci sono tanti trailer che arrivano creando attesa. Fra tutti, quello di ‘Blade Runner 2049‘ che, volevo scriverlo da qualche parte, rischia di essere film dell’anno perché il mio amico Denis non lo sbaglierà questo sequel, perché è troppo bravo. Mi ci gioco dei drink post visione.
EDIT: mi suggeriscono che il 10 agosto esce ‘La torre nera’ tratto da S.King. Siam già alle casse!

**.: se stai a casa a fare divanismo, oltre a fischiettare la sigla di ‘Game of Thrones’, puoi guardare la nuova di Netflix, ‘Ozerk’ che ne vale la pena. Oppure guardare la terza stagione di ‘Fargo’ che lì, non sbagli. Oppure approffittarne per rivederti tutto ‘Mad Men’ che compie giusto dieci anni (sospiro).

Advertisements

One thought on “playlist minima, summer edition

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s