straight outta myself


(you’re now about to witness the strength of street knowledge)

socEcco, in questo momento, nell’88, stai ascoltando questa canzone che iniziava con un avvertimento che veniva dall’altra parte dell’oceano. Per te, che sei me nell’ormai lontano 88, quei primi versi aprivano una porta su una musica nuova, sulla tua personale idea del ‘sogno americano’.

Bé, te che sei me: sappi che dopo ventisette anni è uscito un film che parla di quel gruppo che scriveva rime per inseguire il proprio sogno, per lasciare un segno, una testimonianza. Un film che dice come quel sogno non era tanto un sogno, ma tu lo sapevi, perché sei sempre stato diligente nelle tue passioni. Traducevi i testi e cercavi sui giornali ogni notizia sull’America del ghetto che ascoltavi, ma in realtà non avresti mai avuto né l’attitude né la grinta per sopravviverci.

In questo momento nell’88, giri coi tuoi amichetti a fare un po’ i poser di provincia coi cappellini, i bomber delle università US, rubando gli stemmi della VW perché avete visto dei video (bravi, siete dei coglioni, ma quante risate incastrate nei ricordi, anni dopo).

Anche nel 2015 i ragazzini vanno nei cinema italiani con una parvenza di attitude e fanno del casino scimmiottando (male però, senza la minima conoscenza, ovvio, di un tempo troppo lontano) il gangsta rap. Me l’ha detto il gestore del cinema che ha avuto un problemino l’altra sera con ragazzotti che sognano troppo le gang ma son solo capaci di fare casino.

(Ah sì, spoiler, caro me dell’88. Il tuo sogno americano si è infranto sulla realtà e su una decisione sbagliata, rivista col senno di poi, ma non ti anticipo niente, lo vedrai coi tuoi occhi).

E il film com’è?

Niente di che. Adesso hai 45 anni e ti gasi ancora quando parte quella base che fa ‘ye-oh‘ e poi scatta Ice Cube e sputa ‘straight outta compton‘, proprio il pezzo che stai ascoltando tu adesso sul vinile, e 27 anni dopo fai ancora (e sempre) la ‘mossa’ di una mano che si abbassa di scatto a sottolineare la strength di un testo che al tempo capivi ma non vedevi.

A parte questo gasamento/madeleine adolescenziale, il film è un biopic musicale piuttosto standard (il cinema ti piacerà sempre, tranquillo) di ascesa e caduta, con una buona dose di musica e con appiccicati un po’ forzatamente dei ‘post-it’ su come i rapporti fra le minoranze e la polizia non siano così migliorati.

La situazione socio-politica che ti incuriosiva quando non c’era internet (oggi c’è questa cosa, ti piacerà molto, sallo) sembra molto cambiata ma è ancora problematica e quella canzone che ascolterai per nove mesi durante la naja pare essere ancora molto attuale in molti quartieri americani. Fuck tha police.

Magari mi aspettavo di più anche perché… non so se dirtelo, ma si può intuire: gli NWA erano troppo grossi, non potevano durare tanto, erano la miccia che innescò tanta robina che ascolterai. Molti eventi non te li posso raccontare perché per te nell’88 devono ancora accadere e comunque sì, come finisce un film non ti piacerà sentirtelo dire nemmeno oggi.

Al cinema eravamo in due in sala, figurati. I distributori han fatto questa pazzia di buttarlo fuori in programmazione normale mentre andava proiettato in lingua originale e in poche serate, dedicate a chi era interessato a una cosa del genere. Oh, ti annoio? Guarda che tu a diciotto anni spenderesti la tua paghetta settimanale per vedere un film del genere…

Oggi, nel 2015, vedrai il film, alla fine ti piacerà abbastanza, non ti rimarrà in testa per più di un paio di giorni, giusto il tempo di farti venire in mente di scrivere una lettera al te stesso diciottenne. Chissà se ne sarai contento. Man, that shit wasn’t so dope, but quite ok.

Ps.: ah, il rap non ti piacerà più così tanto, anzi diventerà una scelta molto secondaria nei tuoi ascolti, ma non ti preoccupare, il meglio te lo sei preso anche se tuttora c’è robina gusta.
Ps2.: ah bis, dopo il film andrai a prendere un caffé al bar e parlerai con ragazzi ventenni che non hanno la minima idea di chi sia Dr.Dre o che ci siano state rivolte a LA nei Novanta, ma staranno pianificando di andare a un festival di elettronica. Già, in questi anni l’elettronica funziona parecchio e tu… non te lo dico, basta spoiler, bro…

One thought on “straight outta myself

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s