30 per AGO

augQualche anno fa lessi su un giornale che il vero capodanno è ferragosto. Ogni anno a ferragosto questa cosa mi torna in mente. Non riesco a decidere se sia una banalità, può essere sia vero.
E’ infatti in questo mese, dedicato a questa anomalia italica del ‘chiuso per ferie’, che si ‘stacca’, ci si ‘rilassa’, si viaggia (chi può), si postano foto in giro, eccetera. Probabilmente si fanno più veri propositi per il futuro sdraiati in una spiaggia, in fila per un traghetto, camminando in montagna che con il cappotto, andando a un cenone di capodanno.
Vi ho convinti di questa cosa? No? Pazienza.
Comunque questo post è su agosto ed è ‘nato’ una sera (ovviamente di agosto) chiacchierando con una gentile signora che sostiene che questo mese sia un po’ da odiare perché prima tutti che chiedono delle ferie poi dopo tutti che raccontano delle ferie, che a volte è un bel sentire ma come tutti i racconti bisogna saperli fare e sono pochi quelli che li sanno fare e forse ancora meno quelli davvero interessanti, quelli che riescono, dal loro personale buco della serratura, a catturare una vera attenzione che non sia solo l’informazione buona per la chiacchiera, ‘tizio è andato nel posto X, tizia è andata a Y’.
Forse, pensavo, a molte ‘narrazioni vacanziere’ manca un po’ di particolarità perché non si sottolineano le piccole cose, diverse da posto a posto o simili ma con le differenze negli occhi di chi guarda, appunto, dal buco della serratura di una vacanza di pochi giorni o di due settimane.
Quindi, agosto è un mese un po’ da odiare ma anche da apprezzare per le tante piccole cose che offre essendo comunque un mese dove si sta fuori, ci si muove oppure si sta fermi, magari, come si dice, con la testa più libera (ah, le benedette ferie).

Perciò, ecco trenta mie piccole cose belle di agosto, una al giorno, come una medicina, anche se il mese non è finito, e il giorno che manca è il giorno in cui il mese, che può essere bastardo, in silenzio, presenta quel conto fatto di malinconia e rimpianti, dove si piange un po’ o si è molto tristi perché anche ad agosto non è che si può sempre stare allegri, eh.

Via:

1. Pedalare in bicicletta mentre il sole spacca l’asfalto e brucia la pelle anche attraverso la maglietta;
2. Capire chi è davvero contento di andare in ferie e chi invece è costretto ad andarci;
3. Un mojito ben fatto con i cubetti di ghiaccio interi, la menta appoggiata, lo zucchero obbligatoriamente di canna;
4. Gli abiti lunghi e leggeri delle donne che tutti questi scosciamenti e ammiccamenti in favore di micro camera fanno perdere un po’ di fantasia;
5. Il rumore sussurato della marea di notte;
6. Uscire con una persona adorabile che si vede solo ad agosto, causa impegni vari, e dopo pochi secondi fra due sbuffate di sigaretta e due cancheri per il caldone, recuperare una perfetta sintonia;
7. Leggere del calcio mercato bevendo una birra gelata;
8. Svegliarsi presto la mattina, prendere un caffè con il paese ancora addormentato, rubare l’unico momento fresco del giorno;
9. La stanchezza negli occhi dei lavoratori alla sera che sognano una doccia fredda;
10. I visi corrucciati delle ragazze, appena sveglie, dopo essersi addormentate al sole, su lettini, scogli, prati, che poi diventano un sorriso che accende ancora di più il giorno;
11. Passeggiare sotto ai portici all’ora di pranzo calcolando l’umidità, percependo il tempo che sembra immobile;
12. Un calice di vino sopra un tavolo, riparato dagli alberi, per festeggiare la chiusura dell’ufficio;
13. I sandali delle donne, sottili ed eleganti, impreziositi da pietre, fiori, piccoli lacci;
14. Il rumore delle posate che danno il ritmo alle chiacchiere sparse in una piazza accaldata;
15. Le corde pizzicate del contrabbasso, le spazzole leggere, il tocco di pianoforte in un concerto in un cortile;
16. I grilli dietro casa mia in una notte insonne a decifrarne la cantilena, il ritmo, le note, la sinfonia gracchiata;
17. Guardare le effusioni all’aperto degli innamorati, senza paura di essere nudi di fronte al sole e agli occhi di chi li guarda;
18. Incantarsi a guardare la linea dell’orizzonte al mare, come guardare nel futuro (scusate, in montagna non ci vado, presumo ci sia anche lì la linea dell’orizzonte…) ;
19. Guardare la luna piena, rischiare di parlarle un po’;
20. La luce che filtra dalla finestra aperta, sono le sei, girarsi nel letto per un’altra ora di sonno;
21. Le chitarre fulminanti, la batteria che pesta come i piedi sull’asfalto di uno spiazzo nei concerti all’aperto;
22. I fuochi d’artificio, gli occhi pieni di stupore anche se il cinismo di undici mesi prova a nasconderlo;
23. Le feste di paese col liscio, la coda per il cibo, gli odorazzi di fritto, i sorrisi e la fatica dietro ai banconi;
24. Una camminata ai bordi di un fiume, a specchiarsi nei balletti che i riflessi del sole regalano all’acqua;
25. Gente folle che gioca a tennis alle due del pomeriggio, le magliette incollate come una seconda pelle;
26. Macchiarsi il vestito mangiando un cono con troppo gelato sopra;
27. Una canzoncina con una melodia stupida che risuona in testa camminando sulla spiaggia;
28. Un giorno di binge watching con finestre e tende chiuse, come fosse novembre;
29. Leggere al sole, le pagine che si bagnano di sudore;
30. Fumare una sigaretta guardando un tramonto: domani è settembre, chissà se l’inverno sarà lungo. Intanto, agosto non è finito e il tramonto è bello.

(foto: via, snoopygrams)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s