la sfumatura signora? alta o bassa?

 

 

grayscaleIl primo motivo per cui ho visto le sfumature, versione cinematografica, è che, secondo me, gli ‘eventi’ di massa, bisogna provarli, almeno una volta.
Quindi, dato che nella classifica italiana dei maggiori incassi di fine anno questo film sarà al secondo posto (spoiler: al primo posto ci sarà Zalone), mi son detto ‘perché no‘.
Questo nonostante avessi letto le prime centoventi pagine del libro.

Una sera ero a una Festa dell’Unità (la chiamo così, per mostrare in pieno la mia vecchiaia). Avevo fatto da tassista a mia madre e dopo aver visto qualche giro di valzer sono andato alla libreria e mi son messo a leggere, tanto c’era caldo e la libreria era vuota, che perfino i ragaz delle Feste dell’Unità ormai leggono poco. Credo.
Comunque, mi son preso sto libro e ho iniziato a leggerlo.
Un disastro. Scritto male, con decine di puntini di sospensione e incredibili dialoghi interiori della protagonista. Sono arrivato alla prima pagina di sesso trovandola ridicola. Poi, ho abbandonato la lettura che ero già a posto.

L’altro motivo per cui sono andato è per dare un contributo alle casse del cinema del paesello perché, dovesse chiudere, sarebbe un momento tristissimo. E quindi, quando ha un film decente, ci vado.
Ok, questo probabilmente non sarà decente, ma l’altra sera sono passato davanti a un cinema chiuso in centro città e davanti al locale con le porte chiuse, era come se ci fosse un enorme invisibile fazzolettone intriso di lacrime e passato e sigarette fumate chiacchierando della pellicola appena vista e insomma, ci siamo capiti.

Dopo le giustificazioni scritte, maestra, vado a vedere le sfumature e poi ti dico la mia.

Pubblico in platea: sei uomini, di cui due solitari e quattro fidanzatini e sessanta donne equamente divise fra giovani under venti e signore over quaranta.
Ovviamente, io sono assurdamente fuori target.
Ricordo che la lettura del libro fu accompagnata da sbarramento di occhi, per esempio nella incredibilmente sciatta descrizione dell’incontro fra i due. Al cinema, è uguale. LOL involontari esplodono fra le fila di ragazzine, in vari momenti, facilitati da dialoghi ridicoli. Anche qualche applauso all’apparizione dell’elicottero con cui lui la porta a fare un giro notturno. All’uscita signore eccitate dalla serata di gruppo per il grande schermo, alternano commenti su quanto sia bono l’attore a conferme su quanto la storia sia identica a quella del libro. Tutto qua. Non un commento positivo o negativo sul film, ma penso sia implicito il gradimento.

E com’è sto film?
E’ un prodotto per incassare sull’onda del successo, ovviamente. Patinatissimo, begli interni, riprese aeree, product placement regolare.
E’ la favoletta inzuppata in scrittura da Harmony da scaffale, con spennellata di frustate, di questa vergine che si innamora dell’uomo di successo, narciso, con (ma dai?!) mega problemoni alle spalle e una passione per il bondage-sado-eccetera. Lei proverà a cambiarlo. Cliché.
Ci riuscirà? Spoiler, spoiler: sì, che nel terzo libro lui finalmente si innamorerà.

Jax di ‘Sons of Anarchy’ l’ha schivata per un pelo (era la prima scelta) così il grigio è interpretato da Jamie Dornan. Evidentemente quelli della produzione volevano un figo che dopo aver fatto una serie tv bomba, avrebbe vestito gli eleganti completi dell’uomo che è entrato nei sogni di frustrazione e sottomissione di donne annoiate.
Nel momento di massimo pathos, quando lui le confessa, non si fosse capito, che ha delle ‘perversioni’ particolari, a me è scappata una risata a bocca aperta, che ha coinvolto la fila di ragazzine davanti a me. Pardon.

Due orette farcite di dialoghi terribili, attori che a me è sembrato non ci credessero più di tanto nemmeno loro. Lui, al minimo sindacale, lei al massimo contrattuale per morsicatine di labbro. Il sesso? A modestissimo parer mio, come il film. Niente di pruriginoso, né eccitante, né sconvolgente (per ottenere il VM.14, ci sta), né emozionante, né niente da ricordare.
Quindi? E’ un gigantesco specchio per le allodole di bocca buona? Probabile. E’ una palla assurda? Assolutamente.
E questo è quanto.

Un amico mi ha detto che ‘noi‘, aberrante insiemone comprensivo di tutti gli uomini, non possiamo capire. Secondo me non è così e per me rimarrà sempre un mistero di come sta roba abbia un successo clamoroso. Sarò ingenuo io.
Per fortuna ci sono donne, da me interpellate post visione, che non si sono morse il labbro, bensì hanno detto ‘tremendo’, ma mi son già dilungato troppo, che, ripeto, son mica nel target… (toh, puntini di sospensione…)

 

One thought on “la sfumatura signora? alta o bassa?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s