(cronache dalla piccionaia) bomba su bomba, batteremo Roma

letture da piccionaia
letture da piccionaia

Eravamo rimasti ai lagunari di una settimana fa. Oggi, sole che sembra un po’ primavera fuori, bel clima dentro, dice il pard di piccionaia. Caldone, dico io.
La capitale è giallorossa, maglietta coi colori un po’ annacquati, robedikappa vestita come la Maggica, squadra valida, di fisico, in roster il miglior rimbalzista del campionato. All’andata non ci fu partita, perdemmo di trenta, peggiore partita dell’anno, forse. Pronti, entusiasmo, via. Slanina in quintetto, tripla di Antonutti, rubata e schiaccione di Taylor, nove a due.
Prendo pochi appunti, il tempo finisce in un lampo mentre giochiamo in scioltezza, allargando la difesa avversaria, tanto che spesso i cinque son tutti sulla linea del tiro da tre, sfruttando tagli e spazi sotto canestro, rinnegando il pick&roll. 25-15.
La partita è bella, Roma ci prova, soprattutto con l’immarcabile pivottone, ma fatica a starci dietro grazie anche a un Taylor in gran spolvero che firma la fine del secondo con doppia tripla. 45-32, applausometro impazzito, la miglior Trenk di stagione, probabilmente.
Intervallo, progettiamo la trasferta di Milano condendola già di gag.
Mister Menetti agita la folla, il tempo sembra volare oggi, sarà la primavera.
Terzo quarto, mentre fa un caldo caraibico in piccionaia.
I primi due punti li mette Brunner, dalla sponda del Tevere Datome (gran bel giocatore) pianta una tripla di grinta poi mette tre liberi. Ansia e applausi di incoraggiamento dalla piccionaia. Slanina prima furtarelizza una palla a Lawal lanciato poi mette lui una tripla gasando il palazzo. Entusiasmo .
Partita migliore dell’anno, Antonutti fattura, loro non mollano ma 67-56.
Ultimo quarto, stoppata di Cervi poi un arbitro diventa nostri amico, impedisce la ricezione a un romano che giustamente gli dice ‘beh, ma cosa fai?‘ e meno giustamente si piglia un tecnico.
Taylor porta in giro la palla poi fa un passaggio di classe purissima, scivoliamo a più diciasette.
‘We will rock you’ piove dalle casse del palazzo e secondo me ci siamo.
A più ventuno tutti si limano le unghie, pure Mister Menetti che si siede. E invece.
Pressing a tutto campo romano, ne prendiamo cinque in fila.
A tre minuti dalla fine Lawal prende il secondo antisportivo e abbandona il campo. Un uomo di merda di fianco a me fa dei versi razzisti. Gentaglia. Ancora gente che si lima le unghie in rilassatezza. La partita è finita, dice. E invece. Ancora pressing romano, noi andiamo in mattana sulle rimesse, loro segnan sempre e poi fan fallo.
Roma ritorna, tensione e momento thrilling. In un minuto e mezzo ci mangiano dieci punti. Poi fortunatamente finisce tutto bene, mettiamo i liberi decisivi con James e Slanina e finisce pure il tempo. 96-93.
Finale papato, risultato giusto, sempre stati in vantaggio, giocato benone.
And NOWkeep calm and go to Milan.

tabellino della partita

previously on ‘cronache dalla piccionaia’

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s