M:I Not

E guarda che io c’ero andato carico. Non che avessi ricordi memorabili dei precedenti, ma perchè, beata ingenuità, spero sempre che l’industria hollywoodiana possa essere capace di coniugare le esigenze produttive di un film simile che deve piacere a tutti con una certa, non ‘autorialità‘ perchè sarebbe eccessivo, ma con almeno della personalità.
Speravo nella chiamata di Brad Bird, regista di filmoni targati Pixar.
E invece, l’esperimento non riesce. Probabilmente perchè il vestito su cui il sarto doveva lavorare è troppo ‘strutturato‘. Asole, revers, spacchi precisi, taglio classico con una spruzzata di moderno. Magari un colore lucido. Come il meraviglioso abito che indossa Cruise a Dubai (peccato vederlo rovinato dopo un’inseguimento, non si rovina così un vestito simile). Fuor di metafora sballata, il film necessita dell’eroe, della spalla comica, della bellona, del nuovo amico, di product placement grandi come città esotiche e di scene d’azione sempre più lunghe ed ‘enormi’, scintillanti di presunti ‘whoa!‘.
Forse il modello è superato e seppur tirato a lucido non gira più bene, forse sono io superato.
L’inizio è buono e promettente, la prima missione risulterà al termine la migliore, poi è una lenta ma costante parabola discendente che più prosegue la storia più ci si diverte meno. A Bird riesce bene nel gestire i momenti più ‘meccanici’ (già, quasi ‘cartoonistici’) dell’azione  (la prigione, il cremlino, il garage) molto meno la resa dei momenti ‘emotivi’, non aiutato da interpretazioni banali e con un finalino che è al limite dell’imbarazzante. Altro momento d’imbarazzo è l’inizio della parte di Mumbai, dove aleggia il fantasma del ‘jamesbondismo’ più becero.
Il tizio dietro di noi gasatissimo all’inizio che commentava ogni scena con vigore ed entusiasmo si è afflosciato pure lui, la ragazzina di fianco a me ha iniziato a sparare sms e il film dura troppo ed è una delusione.
Fra il cinque e il sei” vota con giustezza il mio pard sui titoli di coda. “5.2” sparo io, fin troppo sprezzante.
Tom, mi perdonerai, ne son certo (tanto il quinto capitolo è già lì, lo vedo quasi pronto…)

Ps.: poi, figurati, io dico che la scena della scalata del grattacielo è la meno bella fra le scene ‘action’…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s