il titolo non c’è perchè sto ripensando a una scena dove c’è Emily Blunt e mi confondo e non riesco a pensare ad altro

Un candidato al senato incontra casualmente la donna della sua vita. E’ bellissima, ha una bottiglia in mano e gira scalza. Poco dopo incontra gli uomini che cercano di guidare la sua vita. Sono vestiti come se fossero usciti da Mad Men con Roger Sterling al comando e bei cappelli in testa, consultano un’agenda rilegata in pelle, aprono porte e compiono il proprio dovere che è quello di fare rispettare il piano. Un piano scritto da un ‘superiore’. Un piano a cui il nostro politico cercherà di sottrarsi.
E’ un film curioso ‘The Adjustment Bureau‘ (la traduzione italica era impegnativa però ‘I guardiani del destino’ è brutto).
Pone domande importanti e impegnative sul libero arbitrio, sul destino, sul caso e sulla necessità di compiere scelte giuste. Domande che restano però sospese, vaganti, come un ornamento intellettuale al corpus della vicenda.
Che è semplicemente, una romanticosissima storia di un amore legato ai giochi del caso, alle linee del destino, ai signori col cappello.
Il film è costruito intorno alla danza di sentimenti e aspettative dei due protagonisti, il sempre bravo Matt Damon (giudizio di parte, è un mio uomo fin dai tempi delle equazioni complicate) e la schifosamente bellissima Emily Blunt.
Una specie di thriller sci-fi con aspirazioni mistiche compresivo di bonus amoroso o una storia romantica con l’adrenalina dentro e le domande grosse. Un gigante d’argilla che potrebbe crollare da un momento all’altro sotto al peso del suo stesso racconto, pieno di cose. E invece rimane miracolosamente in piedi, grazie alla bella alchimia fra i due attori principali e alla leggerezza che a volte diventa ingenuità con cui la storia si svolge.
E’ palesemente imperfetto, attaccabile in più punti, ha perfino momenti che potrebbero sfociare nel LOL eppure sono uscito dal cinema apprezzando il mash-up di generi, la buona recitazione del cast intero, i completi bellissimi dei ‘guardiani’  e pure sospirando un po’ per un paio di scene coi cuoricini intorno. Ovviamente, sconsigliato a chi ha il romanticismo sotto i piedi e a chi storce il naso quando si parla di…guardiani.

(note sparse, un mezzo spoiler che mi son sforzato di metterne pochi però mi sa che non mi vien bene non spoilerare nei post) 
il film è ispirato a un racconto di Philip K.Dick;
all’esterno di un bar lozzo che appare nel film c’è una scritta fatta con un gessetto: ’24 hours a day, 24 beer in a case. Is this a coincidence?’. bella frase, forse anche giusta, volevo segnarmela;
le porte sono una magata e anche la ‘biblioteca’ ha un suo bel senso;
a proposito di traduzione dei titoli, in Spagna è  ‘Destino Oculto’ (eheh) in Germania è ‘Der Plan’ (pratici). 

4 thoughts on “il titolo non c’è perchè sto ripensando a una scena dove c’è Emily Blunt e mi confondo e non riesco a pensare ad altro

  1. ho la sensazione che abbiano ecceduto col romanticismo un tanto al chilo (specie alla fine), perchè in potenza questo film sarebbe davvero bello. e c’è poi emily blunt, come dicevi. e pure damon che è sempre più bravo.
    forse c’è troppa carne a cuocere, ma poteva venirne fuori un film bellissimo. i difetti non lo affossano del tutto, però certo sono evidenti

    1. ciao N. osservazioni giuste le tue. come scritto, film imperfetto ma in un certo senso ‘coraggioso’. premio questo e il romanticisimo che ho apprezzato e chiudo un occhio sui difetti. poteva essere una bomba totale, vero. sugli attori siam d’accordissimo😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s