File under: film che non ho apprezzato

Il film di Zach Snyder è come un cioccolatino Lindt, uno di quelli rotondi e grossi, avvolti in una carta stagnola invitante, il colore acceso ammiccante. Peccato che dentro anzichè una delizia al contempo morbida e corposa, una gioia per il palato affamato di golosità, il cioccolatino, peraltro piuttosto costoso, del ‘visionario’ regista di [seguono titoli] abbia uno spessore risibile, si sbriciola subito mostrando un ripieno che, surprise, non c’è.
Un film vuoto di un fortissimo senso estetico e un fortissimo senso del riciclo avvolto in uno schema smaccatamente ripetitivo e con il delitto capitale di risultare noioso.
Un film senza un’oncia di passione, trovate visive non più, ormai, così ‘visionarie’, fra uno spiegamento di gonnelline, bellezze di plastica ma anche plastiche per affrontare balletti battaglieri, dialoghi  che paiono scritti da un teenager sgraziato e poco ispirato. Tutto sottolineato da un fiume inarrestabile e rumoroso di musica tipo rock monocorde, inutilmente e vanamente epica.
Al  termine, una spennellata di vago senso filosofico attaccata al tutto col più scadente dei bostik aumenta lo stupore per la realizzazione di un film così br, no, non è che sia brutto. E’ solo noioso.
Caro Zach, basta ralenty e basta scriverti i film, grazie.

 

Forse non l’ho capito. E’ questo il primo pensiero che ho avuto al termine della visione. Forse mi è sfuggito il senso, forse non era serata. Oppure ho il cuore di pietra. Tratto da un libro che non solo non ho letto ma di cui non conoscevo nemmeno l’esistenza, ‘Non lasciarmi‘ è un filmone drammaticone spudoratamente romantico punteggiato da paesaggi in super technicolor e silenzi interiori e gran stormir di fronde, tutto avvolto da un effluvio di note di viole e violini che strappano commozione col timer e tentano di annodare la gola.
Lo scenario ‘fantascientifico’ in cui si muovono i tre protagonisti è soltanto accennato ed evita di specificare un paio di cose secondo me utili alla comprensione della storia, lasciando in primo piano aspirazioni sentimentali e destini ineluttabili e facce segnate del trio di attori.
Insomma, belle immagini, attori intensamente tristi in un dramma amoroso dove accade poco e che non mi ha nè appassionato, nè emozionato. Nonostante i violoncelloni.
Oppure non l’ho capito. Oppure ho il cuore di pietra.

One thought on “File under: film che non ho apprezzato

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s