E guardo il mondo da un oblò

Impossibile scrivere di ‘Vallanzasca‘ senza metterci in mezzo ‘Romanzo Criminale‘.
Responsabili ne sono l’evidente humus da cui nascono entrambi i film, la narrazione di una vita criminosa cambiando l’accento e i luoghi, non il regista e l’attore protagonista; la vicinanza (eccessiva?) fra l’uscita del film e il termine della serie, fattore che anche senza volere fare paragoni fra le due opere porta inevitabilmente a trovare qualche similitudine, pure narrativa; l’aggravante del mio pard di visione che ha appena iniziato a vedere la serie sulla banda in una delle tante repliche che passano sul satellite. In pratica nel tragitto verso il cinema si parlava del Freddo e del Libano e dopo pochi minuti e una breve fila si era dentro a un altro romanzo criminale italiano.
Detto questo, il film mi è piaciuto. Niente di memorabile ma un buon film di genere, con un paio di difetti evidenti, come una apparentemente inestirpabile abitudine a cercare una connessione narrativa con l’adolescenza e l’uso di qualche didascalia superflua, ma anche momenti brillanti. Si racconta la storia del bandito lombardo con grande profusione di cadenza milanese e scene d’azione ben girate e con montaggio serrato. Questo stando sempre addosso al personaggio, un bravo KRStuart che ci mette il fascino necessario e l’eleganza per il ruolo (e si è pure scritto qualche battuta, stando ai titoli di coda) ed è attorniato da un bel cast di comprimari. Ho apprezzato di più la seconda parte, la prima l’ho trovata a tratti frettolosa.
A volte al duo regista-attore scappa una strizzata d’occhio al personaggio. Certo, si entra in empatia con il cattivo apprezzandone, con una punta di colpevolezza, il senso criminale dell’onore e questo lo fanno tutti i buoni gangster movie, ma il film mi pare non sia portatore di messaggi assolutori o false mitizzazioni.
Il titolo del post è un banale omaggio a una scena del film e le musiche sono di una notissima e per me noiosissima band italica. Il commento sonoro durante il film è a tratti eccessivo ma nel complesso buono, mentre il brano finale è inascoltabile.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s