Australyawn ?!

Australia” è il filmone epicone di Baz Luhrmann. australia
Australiano lui, australiano gli attori, australiani i paesaggioni.
Yawn, appunto.
Il mio problema col film è l’inizio.
Non mi è piaciuto il registro e il tono da commedia in cui sono presentati i protagonisti e non sono entrato in empatia con la “faccenda dell’aborigeno”.
La “faccenda dell’aborigeno” è il gancio, il filo conduttore, il legame che unisce tutte le parti del film, con continuo richiamo e sottolineatura alla motivazione principale dell’opera, ossia l’amore, il rispetto, il debito verso la terra madre. Inoltre, la faccenda dell’aborigeno, serve anche da motore narrativo in vari momenti della vicenda, oltre a essere discriminante fra i buoni e i cattivi.
Non essere entrato in sintonia con l’aborigeno canterino è un stato un problema.
Poi, dicendo altre cose che metto in discussione del film, gli attori australiani.
Hugh Jackman è un figo della madonna e un ganzo e anche manzo ma come attore, non è che faccia sfracelli. Certo quando hai braccia e petto e sguardo e barba simili e ammali ogni donna in platea con un sorriso sventra-cuori fra un cazzotto e una cavalcata non servono altre qualità recitative, però mettersi in posa sempre per sottolineare la drammaticità del momento, non è bello. Nicole Kidman me la ricordavo più brava. E pare che anche lei abbia avuto perplessità riguardo la sua prova. Anche lei mette il visino e l’esile figura, di certo il registro umoristico non è il suo forte e forse è troppo magra.
Poi tutti i personaggi sono monodimensionali, ma da un film del genere non pretendo approfondimenti psicologici però spesso i personaggi risultano troppo caricaturali, vedi il cattivone.
La storia mescola avventura e romanticismo ed è molto prevedile.
Insomma è un classico film d’altri tempi, un pò troppo lungo, con pericolosi momenti in cui un filo di noia arriva.
E’ diviso nettamente in due parti abbastanza diverse, la prima dove la protagonista si trasforma da nobile signora inglese a capa-mandria e la seconda dove la guerra arriva e cambia un pò le carte in tavola.
Visivamente però è molto bello e Luhrmann si conferma un signor regista, maestro di super dolloni (mega dolly) con bonus di paesaggi mozzafiato e inquadrature da applausi.
Alla fine, fra molte riserve, film promosso, perché fa il suo dovere, un po’ di azione, un po’ di romanticismo, qualche lacrimuccia telefonata qua e là. Un film classico e questo alla fine è un merito, con un filo di prevedibilità di troppo, qualche applauso, qualche sbadiglio e che bel posto dev’essere l’Australia, dopo la pioggia soprattutto.
Peccato perché forse con più coraggio nello script poteva diventare un film epocale e non soltanto un film epico.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s